gliasinirivista.org/a-scuola-d
"Ad esempio il Politecnico di Torino, invece di affidare studenti e docenti ai BigTech selezionati dal Ministero, ha deciso di potenziare le proprie infrastrutture informatiche dedicando sei server a un cluster oVirt di 50 macchine virtuali su cui installare Big Blue Button. ..." 1/
@Shamar

"... Con questo stack completamente open source, ha permesso a oltre 2mila docenti di erogare 800 corsi per oltre 30mila studenti, basandosi solo su risorse e competenze interne. Il tutto con un costo annuale di meno di 80 centesimi a studente e un risparmio previsto rispetto alle offerte cloud di oltre un milione di euro in 5 anni." 2/ (segue)
@Shamar

Show thread

"... Analogamente, già durante il primo lockdown il consorzio universitario Garr ha potuto offrire gratuitamente alla cittadinanza il sistema di videoconferenza Jitsi Meet, installandolo sulla propria infrastruttura cloud federata, realizzata esclusivamente con software open source." 3/ (segue)
@Shamar

Show thread

"Queste esperienze hanno dimostrato che laddove si investa nelle competenze, gestire autonomamente le proprie infrastrutture informatiche non è solo possibile, ma più economico che affidarle ad aziende multinazionali." 3/ (continua su gliasinirivista.org/a-scuola-d)
@Shamar

Show thread

@rresoli
Tecnicamente facile, di fatto impossibile. Ogni scuola o rete di scuole dovrebbe e avere un server, un tecnico e la consapevolezza epistemologica e politica della necessità di adottare strumenti alternativi alla principale piattaforma in uso. E se è il ministero a proporti gsuite o msteams è difficile obiettare qualcosa sul locale. Il capovolgimento di paradigma è necessario a monte...
@Shamar

@Shamar @rresoli @misterti che più o meno è quello che fanno con le scuole di lingua italiana di bolzano: esiste una rete di scuole (per la scuola singola un tecnico dedicato sarebbe in effetti insostenibile come costi) che gestisce server (uno per scuola per certe cose, comuni per altre) senza usare gsuites, msteams o simili.

è vero, non è una cosa partita dal basso (singolo docente), ma neanche dall'alto (ministero), e politicamente non hanno per niente vita facile, ma tecnicamente funziona.
@valhalla @Shamar @paoloredaelli @rresoli @misterti Elena sarebbe davvero un piacere se volessi condividere queste informazioni sulla Provincia di Bolzano con noi, sia gli aspetti positivi sia i problemi politici che hanno avuto.

Se ti fa piacere, ti aspettiamo sulla nostra chat Matrix #MonitoraPA:matrix.opencloud.lu.

Abbiamo anche un bridge verso Telegram, se preferisci... ma come certamente saprai non si tratta di software libero ed è un sistema centralizzato.
@paolo @Shamar @rresoli @paoloredaelli @misterti @monitorapa Io non son su matrix (preferisco xmpp, sorry), e men che meno telegram, però ogni tanto dal fediverso passa @opavlos che se ne occupa in prima persona e sto sentendo se riesce a parlarvene lui
@paolo @Shamar @rresoli @paoloredaelli @misterti @monitorapa @opavlos Nel mio caso soprattutto tecnici, alcuni con implicazioni etiche.

Innanzitutto: self-hostare xmpp è *facile* e richiede risorse tutto sommato limitate. self-hostare matrix mi risulta sia più facile oggi di quanto non fosse quando ho iniziato a self-hostare xmpp, ma c'è voluto un bel po' di tempo e ancora non è allo stesso livello.

@valhalla @paolo @Shamar @paoloredaelli @misterti @monitorapa @opavlos ... e dopo aver provato un po' matrix negli ultimi giorni (con client Element, sia desktop che Android) devo dir che concordo con: "While the Matrix protocol is also taking the user's privacy seriously, it seems like its architectural focus is directed elsewhere, valuing usability over privacy."

@rresoli Vorrei farti notare che l'articolo da cui hai estratto il commento è del 2018. Il protocollo era giovine, l'E2EE non era ancora stata implementata come standard ed il client non era ancora ad un livello di usabilità che lo rendeva accessibile a tutti (mia madre lo usa senza problemi).
Può non soddisfare tutti ma almeno può soddisfare molti use cases pricipalmente rimpiazzare WA, Messenger, Slack e similari. @valhalla @Shamar @paoloredaelli @misterti @monitorapa @opavlos

@paolo

Ma infatti per un progetto ponte come #MonitoraPA mi sembra il punto di equilibrio ottimale.

Però un bridge #Matrix <=> #XMMP non mi dispiacerebbe, se esistesse.

Proprio per raggiungere più persone.

Anche se con quasi 300 persone in chat, già a volte ci si perde.

@rresoli @valhalla @paoloredaelli @misterti @monitorapa @opavlos

@Shamar Il problema con i bridge è che non si può fare mantenendo l'E2EE e quindi ci sarebbe un problema di confidenzialità dei messaggi. La cosa bella di matrix è che neanche io, come admin del server, posso decrittografare i messaggi in quanto le chiavi sono solo sui vostri device. @rresoli @valhalla @paoloredaelli @misterti @monitorapa @opavlos

@mario @valhalla @rresoli @paolo @misterti @Shamar @paoloredaelli @monitorapa

se state parlando della stanza #MonitoraPA#matrix.opencloud.lu, no, non c'è crittografia E2E abilitata (perlomeno attualmente).

In teoria, comunque, dovrebbe essere sufficiente questo piccolo "hack" per accedere alle stanze Matrix tramite XMPP, ovvero joinare l'indirizzo della stanza Matrix desiderata, ma in questo formato:

#nome-stanza-matrix#server-matrix@matrix.org

Il "@matrix.org" finale ci va a prescindere, anche se l'indirizzo originale della stanza in quesitone fa riferiferimento a un server differente da matrix.org.
Nel caso della stanza di MonitoraPA, quindi, in teoria dovrebbe funzionare con questo indirizzo:

#MonitoraPA#matrix.opencloud.lu@matrix.org

Tramite il vostro client XMPP quindi in teoria dovrebbe bastare collegarsi a quell'indirizzo.

Se non ricordo male però, la presenza di lettere maiuscole nell'indirizzo nativo della stanza Matrix a volte potrebbe generare problemi che impediscono l'accesso da XMPP (non so per quale motivo, sinceramente).
Dato che nell'indirizzo Matrix nativo della stanza MonitoraPA ci sono le maiuscole, se il "trucchetto" che ho spiegato prima non dovesse funzionare, gli admin della stanza Matrix dovrebbero provare ad aggiungere un indirizzo secondario alla stanza di MonitoraPA, che non contenga lettere maiuscole (intendo proprio su Matrix, nelle impostazioni della stanza.) Teoricamente come indirizzo secondario dovrebbe andare bene:

#monitorapa#matrix.opencloud.lu

e a questo punto ovviamente da XMPP bisognerà joinare:

#monitorapa#matrix.opencloud.lu@matrix.org

PS: se avete intenzione di abilitare la E2EE, l'interoperabilità con altri protocolli allora non ha più senso (perlomeno con i mezzi di cui disponiamo oggi), fa più danni che altro. My2c

Grande @thushi!
Funziona!

Per chiunque voglia accedere, l’indirizzo XMMP della stanza è:

#monitora-pa#matrix.opencloud.lu@matrix.org

@valhalla @rresoli @paolo @misterti @mario @paoloredaelli @monitorapa

@Shamar @thushi @valhalla @rresoli @paolo @misterti @paoloredaelli @monitorapa fantastico! Mettere @matrix.org alla fine dell'indirizzo della stanza è appena appena controintuitivo :-D
Follow

@valhalla @paolo @Shamar @paoloredaelli @misterti @mario @thushi @monitorapa effettivamente hai ragione, in questo caso usiamo sempre il bridge precotto in matrix.org

Sign in to participate in the conversation
OpenCloud Luxembourg Mastodon instance

A Mastodon instance for Luxembourg and beyond.